venerdì 22 giugno 2012

Galenica: scadenza delle creme/paste/gel ecc...

A volte l'ovvio... non è così ovvio.
Consideriamo un farmacista che deve assegnare la data di scadenza alla sua ultima crema, unguento, gel, pasta, ecc... uscita dal laboratorio galenico della farmacia.
Come fa ad assegnarla? Si deve riferire, obbligatoriamente, alle Norme di Buona Preparazione (NBP) che recitano così:
[omiss...] in assenza di informazioni sulla stabilità devono essere osservati, per preparati non sterili, i seguenti limiti di utilizzazione della preparazione stessa conservata nelle condizioni indicate in etichetta:
- formulazioni solide, liquide non acquose o con un contenuto alcoolico non inferiore al 25 per cento: non oltre il 25 per cento del più breve periodo di validità dei componenti utilizzati; tale periodo non può comunque superare i 6 mesi.
- per tutte le altre formulazioni: utilizzare entro 30 giorni dalla data di preparazione. Questo limite deve essere ridotto o può essere superato solo sulla base di specifiche conoscenze ed accorgimenti connessi con la contaminazione microbica del preparato e con le caratteristiche chimico-fisiche dei suoi componenti.
La risposta sembra ovvia o almeno, lo è per i colleghi con cui mi sono confrontato: il mio unguento (es. vaselina salicilica), la mia pasta (es. pasta all'ossido di zinco), il mio gel (es. gel all'arnica), la mia crema (es. crema grassa FU) avrà una scadenza pari al 25% del componente che scade prima, cioè 1/4 di questo periodo.
Per essere chiari, se la materia prima con la scadenza più vicina scade tra 2 anni (24 mesi), al mio preparato potrò assegnare una scadenza massima di 6 mesi (1/4 di 24 è appunto 6).
Sempre per essere chiari, se la materia prima avesse avuto una scadenza di 36 mesi, al preparato potevo assegnare comunque una scadenza massima di 6 mesi (1/4 di 36 è 9, ma non si possono mai superare i 6 mesi, quindi...).

Ma non è così.
Si, perchè quello che ho scritto sopra... è sbagliato!!!
Per carità, i calcoli matematici sono corretti e il ragionamento logico esatto.
Solo che si applica alle formule SOLIDE (es. compresse, capsule...) e, per definizione da Farmacopea, i gel, creme, unguenti, paste, ecc... NON sono forme solide, ma SEMISOLIDE!

Cosa significa questo?
Che ad ogni preparazione di gel, crema, unguento, pasta, ecc... normalmente si assegna una scadenza massima di 30 giorni!
PANICO!!!!
Quindi alla vaselina salicilica al 3% devo dare 30 giorni??? No.
Rileggiamo cosa dicono le NBP:
[omiss...] per tutte le altre formulazioni: utilizzare entro 30 giorni dalla data di preparazione. Questo limite deve essere ridotto o può essere superato solo sulla base di specifiche conoscenze ed accorgimenti connessi con la contaminazione microbica del preparato e con le caratteristiche chimico-fisiche dei suoi componenti.
Mentre il limite dei 6 mesi non può MAI essere superato, il limite dei 30 giorni può essere superato sulla base delle conoscenze del farmacista o accorgimenti tecnici adottati per prolungare la scadenza.
Due esempi per chiarire.
  • conoscenza del farmacista: una vaselina salicilica al 3% è costituita da acido salicilico e vaselina bianca. La composizione è anidra, quindi inattaccabile se correttamente conservata e si può estendere fino a 6 mesi.
  • accorgimento tecnico: un gel a base di arnica in TM (Tintura Madre) può essere realizzato utilizzando acqua depurata o acqua preservata. Nel primo caso, l'enorme quantità di acqua nel gel è ottima per la proliferazione batterica, quindi non andiamo oltre i 30 giorni, mentre nel secondo caso l'acqua preservata (cioè con conservanti) ci permette di estendere la durata fino a 6 mesi.
Soddisfatti? Spero di si perchè qui non c'è rimborso... :D

11 commenti:

  1. è un piacere risentirla, dottore. molto interessante questo post. EB

    RispondiElimina
  2. Salute a lei Dottore. Faccio pubblicamente gli auguri di Buon Compleanno visto che ieri non ci siamo sentiti!! ;)

    RispondiElimina
  3. Grazie mille, Dottore. Le Sue delucidazioni mi sono state utili per eseguire i calcoli che dovrò dare all'esame!

    RispondiElimina
  4. Gentile Dottore, vorrei sapere quando si prepara una ricetta magistrale contenente acido salicilico,vaselina fu e paraffina liquida bisogna aggiungere qualche altra sostanza?(per il compito di tecniche 2). Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di no.
      Stempera l'acido salicilico nella paraffina liquida e incorpora il tutto nella vaselina.
      Certo che avere un citounguetor... ;)

      Elimina
  5. salve, volevo informazioni riguardo al concetto "30 giorni dalla data di preparazione"
    se io preparo una formulazione al 2 luglio questa scadrà al 1 agosto?

    RispondiElimina
  6. Salve dottore,
    se possibile, vorrei avere delle dritte per il compito di tecniche in cui c'è un esercizio di riconoscimento della forma farmaceutica e quest'ultima può essere un unguento, una crema, una pasta o un gel. Le creme essendo bifasiche si dovrebbero riconoscere facilmente (c'è sia la fase acquosa che quella oleosa o apolare); però i gel, gli unguenti e le paste sono monofasiche; dunque come faccio a capire se si tratta di un unguento, un gel o una pasta in base ai soli "ingriedenti"? Ad esempio la vaselina può essere utilizzata sia negli unguenti che nei gel! E allora come faccio a distinguere l'uno dall'altro? C'è un accorgimento o un suggerimento che lei mi può dare? La ringrazio di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao anche io ho il tuo stesso problema... sapresti aiutarmi?

      Elimina
  7. Salve, volevo informazioni riguardo la tariffazione di una crema che per definizione è un emulsione (O/A o A/O) . Nella tariffazione agli ononari professionali devo considerarla come pomata ("pomate-cerotti ed empiastri") o come emulsione ("Emulsioni e sospensioni")? Spero che qualcuno mi possa risolvere questo dubbio. Grazie mille!!

    RispondiElimina
  8. Buongiorno, ho enormi dubbi su questo argomento. In quanto in laboratorio di tecnica farmaceutica quando abbiamo preparato preparazioni semisolide quali per esempio l unguento abbiamo messo 6 mesi e non 30 giorni. Dobbiamo quindi controllare comunque il livello alcolico o il contenuto d'acqua?

    RispondiElimina