domenica 19 febbraio 2012

Errori nei QUIZ per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche

Premessa: se state cercando il post con i QUIZ per i concorsi per assegnazione delle sedi farmaceutiche cliccate qui.

Come scritto, nel post linkato 2 righe sopra, trovate i quiz per i concorsi.
Considerate quanto segue:
  • i quiz sono pubblicati in Gazzetta Ufficiale (GU) alla data del 16 Agosto 2011
  • il loro aggiornamento è possibile solo tramite pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (e se sapete quanto è passato dall'ultima pubblicazione... fate i conti)
  • la legislazione farmaceutica è in continuo cambiamento
Dove voglio arrivare?
A dire che sicuramente, col passare del tempo alcune cose cambieranno, ma non i quiz (cioè non verranno aggiornati o comunque non lo saranno mai in tempi rapidi): di conseguenza bisognerà segnare (imparare) come corretta quella che in realtà è una risposta sbagliata.
Inoltre, è già capitato che già dalla data di pubblicazione alcuni quiz fossero errati o, meglio, imprecisi.
In questo post, che aggiornerò man mano ci saranno segnalazioni, raccoglierò i quiz errati/imprecisi.

- Domanda n° 1265
Il farmacista è tenuto ad apporre sulle ricette non ripetibili il timbro attestante la vendita del prodotto?
Risposta indicata come corretta
Sì, ma solo  per le  ricette  del servizio sanitario  nazionale
Dov'è l'errore
Come indicato dall'articolo 148 comma 7 del D.Lgs. 219/06, il farmacista deve apporre sulle ricette non ripetibili il timbro (integrato del prezzo e della data, così come da Regio Decreto del '38, anche se nel 2009 il Consiglio di Stato con sentenza, discutibile, ha dato indicazioni diverse riguardo al prezzo).

- Domanda n° 1848
Quali sono i formalismi  da adottare  per una  corretta spedizione  delle ricette  ripetibili  veterinarie?
Risposta indicata come corretta
Apposizione di  timbro e firma senza  trattenere la  ricetta
Dov'è l'errore
Il farmacista, quanto spedisce ricette veterinarie ripetibili deve apporre su di esse il timbro, la data e il prezzo, senza trattenere la ricetta SALVO che questa sia giunta al termine di validità (temporale o quantitativa).
Trattenere NON significa "Conservare" quindi il farmacista trattiene la ricetta senza riconsegnarla al paziente e la distrugge con modalità idonea.
Infine ricordo che l'apposizione della firma del farmacista in ambito veterinario, è richiesta per la spedizione delle ricette non ripetibili in triplice copia.

- Domanda n° 583
Tutte le seguenti sono reazioni avverse aspecifiche tranne una, indicare quale:
Risposta indicata come corretta
Pancreatite da diuretici
Dov'è l'errore

La risposta corretta sarebbe la C) ("sindrome oculomucocutanea da practolo"): all'inizio pensavo si potesse giustificare con l'errore non tanto del quiz, quanto del file PTP che gira in rete sull'interazione farmaco recettore.
Poi ho fatto il ragionamento su cosa è specifico o cosa no: nell'aspecifica, la patologia può essere causata dal farmaco ma anche da altro. È indubbio che ulcera, pancreatite, tosse e cefalea possono originare anche da altri farmaci che quelli indicati.
Ragionando dunque anche solo per esclusione, rimane la sindrome, risposta C.

8 commenti:

  1. per quanto riguarda le ricette non ripetibili la legge ha stabilito che l'obbligo del timbro non esiste se non nella spedizione al ssn.....un caro saluto.LA DOMANDA E LA RISPOSTA SONO COSI' CORRETTE

    RispondiElimina
  2. La non ripetibilità della prescrizione è indicata sulla confezione dalla frase "Da vendersi dietro presentazione di ricetta medica utilizzabile una sola volta". Il Ministero della Sanità può imporre la vendita con ricetta non ripetibile anche per prodotti non contemplati dalla Tab. 5 della F.U. in sede di rilascio dell’autorizzazione all’immissione in commercio o qualora ne ravvisi l’opportunità.

    La ricetta ha validità limitata a 30 giorni escluso quello del rilascio se vengono prescritte specialità o medicinali galenici preconfezionati uso umano (art. 1, comma 4 Legge n. 12/2001 GU n. 41 del 19.2.2001) . La prescrizione ha validità di 3 mesi se si tratta di una preparazione galenica magistrale contenente sostanze iscritte nella Tab. 5 della FU X ed. E possibile la fornitura frazionata da parte della stessa farmacia in caso di indisponibilità dell'intero quantitativo di prodotto prescritto. Con il prolungamento del periodo di validità delle prescrizioni non ripetibili da 10 a 30 giorni è stato uniformato il periodo di validità della ricetta al periodo di validità della sua presentazione in farmacia ai fini del rimborso SSN.

    Sulla ricetta il farmacista deve riportare il prezzo e la data di spedizione (l’apposizione del timbro non è prevista da alcuna norma e d’altra parte la spedizione della ricetta è documentata dal fatto di averla conservata in farmacia). La ricetta deve obbligatoriamente essere ritirata dal farmacista che deve conservarla in originale per sei mesi, qualora non vada consegnata al SSN per il rimborso del prezzo. Dopo tale termine il farmacista deve provvedere alla distruzione della ricetta con modalità tali che impediscano la diffusione dei dati personali del paziente (DLvo n. 282 Art. 4 comma 5 – GU n. 191 del 16.08.1999).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se i 2 anonimo sono la stessa persona, ma il fatto è che la norma citata è il Dlvo 191/99 e Legge 12/2001.
      SOSTITUITI dal Dlvo 219/2006, "Attuazione della direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica) relativa ad un codice comunitario concernente i medicinali per uso umano, nonche' della direttiva 2003/94/CE"
      FCR?

      Il problema è che la domanda parla genericamente di ricetta non ripetibile senza fare distinzione con quelle stupefacenti o veterinarie, per le quali la legge prevedere espressamente il TIMBRO.

      Inoltre, lo stesso Consiglio di Stato recentemente ha ribadito la cosa (la sentenza parla del prezzo, ma si cita anche il timbro). INCOLLO di seguito l'indicazione dell'Ordine di Reggio Emilia al tempo della sentenza.

      "Recentemente il Consiglio di Stato ha emesso una sentenza nella quale ha ritenuto che l'obbligo (previsto dall’art. 37 del Regio Decreto 1706/38) per il farmacista di apporre timbro, data e prezzo praticato sulle ricette non ripetibili sussiste solo nel caso di ricette non ripetibili galeniche e non nel caso di spedizione di ricette mediche (sia non ripetibili che ripetibili)..
      Pur tenendo conto dell'importanza della sentenza, si consiglia comunque a tutti i farmacisti di spedire le ricette (non ripetibili e ripetibili) secondo le modalità previste dalla legge (tutt'ora in vigore e non abrogata con la sentenza), ossia apponendo timbro e data e indicando il prezzo praticato."

      Elimina
  3. Vorrei segnalare il quiz numero 2231, in cui una risposta è ripetuta 2 volte (bentonite) e una delle due è giusta......qui segnalo che ci ssarà un grosso problema nei concorsi visto che le risposte non saranno nell'ordine della GU ma mescolate fra loro...come sarà possibile identificare la bentonite giusta???

    RispondiElimina
  4. Salve Dottore, tra circa un mese parteciperò ad un concorso pubblico per un contratto a tempo determinato come farmacista collaboratore. L'esame sarà una prova a quiz a risposte chiuse e fra gli argomenti su cui verterà, nel bando è indicato
    " legislazione sanitaria con particolare riferimento alla vendita e distribuzione di prodotti farmaceutici". A cosa ci si riferisce con questa frase? Ai vari tipi di ricetta medica?
    Scusi la domanda cretina, ma non capisco. Grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ricetta medica, formalismi della ricetta, adempimenti del farmacista, leggi che disciplinano la vendita ecc...

      Elimina
  5. Domanda n° 1603
    A mio avviso la risposta esatta è la D, in quanto i poliossietilenderivati (che sono i tween, se non erro) si usano per stabilizzare le creme idrofile(cioè O/A)!corregetemi se sto sbagliando...:-)

    RispondiElimina
  6. Domanda numero 1117:
    Quale delle seguenti affermazioni relative al principio attivo quetiapina è corretta?
    a. antipsicotico atipico
    b. dà un rischio minimo di induzione di Parkinson farmacologico
    c. presenta antagonismo sui recettori istaminergici H1
    d. presenta antagonismo su recettori serotoninergici 5HT1A e 5HT2
    e. tutte le affermazioni non sono corrette
    La risposta riportata come esatta è la E...Ma a quanto mi risulta le affermazioni sono tutte corrette..

    RispondiElimina