giovedì 15 dicembre 2011

Pesata di sostanze stupefacenti per le Forze dell'Ordine

Tra le cose che possono capitare nella vita di un farmacista, sicuramente riveste un ruolo sociale la possibilità di effettuare pesate accurate di (presunte) sostanze stupefacenti d'abuso (droghe d'abuso per intenderci) su richiesta di forze dell'Ordine (Carabinieri, Polizia, ecc...).

In pratica, il farmacista offre la sua competenza ed il suo laboratorio (e la bilancia :-)) per effettuare una pesata analitica di precisione di determinate sostanze.
Mi viene chiesto se il farmacista è obbligato ad effettuare la pesata, anche durante il turno o se in quest'ultimo caso può rinviare all'apertura della farmacia.
Il codice deontologico, art. 14 recita:
Il farmacista, nella sua qualità di operatore sanitario, collabora con le Autorità coadiuvandole nel raggiungimento deiloro obiettivi istituzionali.
Inoltre, riporto un estratto della circolare FEDERFARMA che ricorda come sia obbligo del farmacista adoperarsi al servizio delle Forze dell'Ordine:
«Con l’occasione, la scrivente segnala che i farmacisti sono obbligati a effettuare le operazioni di pesatura di prodotti stupefacenti eventualmente loro richieste dalla polizia giudiziaria. Infatti, la polizia giudiziaria quando, per assicurare fonti di prova dei reati, compie atti od operazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, può avvalersi di persone idonee, le quali non possono rifiutare la propria opera (art. 348 del codice di procedura penale)»
La risposta quindi è che il farmacista DEVE assolutamente prestare la sua opera, sia dal punto di vista etico che deontologico (è esplicitamente previsto) che sociale che morale. E questo anche se la richiesta arriva durante il turno (diurno o notturno che sia).

Sono anche sicuro che la FOFI abbia scritto qualcosa in merito, ma non riesco a trovare documentazione. Nel caso, comunque, lo aggiungerò qui.
Al termine di questo excursus, alcuni aspetti pratici:
  • sicuramente è bene identificare la persona che si ha davanti e che effettua la richiesta di pesata, chiedendo l'esibizione di un tesserino di riconoscimento
  • si parla sempre di "sostanza/e presumibilmente/i stupefacente/i": il farmacista effettua un'analisi quantitativa, non qualitativa, quindi nella dichiarazione deve astenersi da dare giudizi sulla natura della sostanza pesata (es. cocaina, oppio, marjuana, ecc...)
  • il farmacista non deve chiedere alcun compenso, che neppure gli spetta (es. il diritto addizionale) per aver effettuato pesate per le forze dell'Ordine
  • è necessario che il farmacista rediga un "verbale", molto semplice e conciso in cui riporta almeno le informazioni essenziali della pesata. Di seguito allego il fac-simile che utilizzo io in farmacia.
Su richiesta del/dei signore/i __________________, qualificato/isi quale/i __________________, il sottoscritto Dr. ___________, nella farmacia XYZ sita in __________________________, in data ____________, alle ore _____________, ha eseguito la pesata di una sostanza presumibilmente stupefacente di colore _________, accertando un pesocomplessivo di ______________ .

3 commenti:

  1. Avrei una serie di domande riguardo stupefacenti, dovute alla notevole confusione on-line. Cercherò di porre le domande in modo che mi possa rispondere brevemente, con un si o con un no, senza occuparle troppo tempo:
    1-Il vecchio bollettario buoni acquisto è ancora valido?
    2-Registro stupefacenti e buoni acquisto vanno conservati 2 anni dalla data dell'ultima registrazione?
    3-medicinali Tab II sez D ed E non richiedono buono acquisto solo quando vengono acquistati da imprese autorizzate al commercio all'ingrosso?
    4-La cessione di medicinali stupefAcenti tra farmacia-farmacia:
    -è solo a titolo gratuito qualora si configuri il carattere di urgenza terapeutica?
    -può avvenire solo con il nuovo modello di buoni acquisto?
    -devono essere utilizzati anche per medicinali Tab II SEZ D ED E?
    5-Normativa vigente in materia di stupefacenti: DPR 309/90 modificato dalla legge 49/2006. è corretto o ci sono delle integrazioni da fare?

    MI spiace porle tutte queste domande ma c'è davvero molta confusione in merito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve.
      Le sue domande sono sicuramente interessanti.
      Data la quantità e la necessità di spiegarle bene, se mi da 1 giorno di tempo, posterò un articolo in cui le rispondo.
      Inserirò nei commenti il link all'articolo.
      Grazie

      Elimina
  2. Alla velocità della luce :)

    Eccolo qui:
    http://farmalegge.blogspot.com/2012/02/stupefacenti-e-domande-varie.html

    RispondiElimina