sabato 9 aprile 2011

Isotretinoina: guida alla spedizione della ricetta

Oggi vediamo quali sono i formalismi delle ricette mediche a base di isotretinoina per uso sistemico (leggasi orale ovvero capsule/compresse) destinate a donne, persone di sesso femminile.
Se vi interessa la prescrizione di isotretinoina per uso sistemico a uomini, persone di sesso maschile c'è il post dedicato.
Infatti, mentre i farmaci ad uso orale contenenti isotretinoina (es. Roaccutan, Aisoskin, ecc...) seguono una normativa molto particolare, l'isotretinona per uso cutaneo (gel, creme, ...) non ha nessuna particolarità.
Cominciamo col dire che ricetta serve al farmacista per poter dispensare isotretinoina orale: una ricetta che può essere bianca non ripetibile (dispensazione a pagamento) o rossa SSN (dispensazione a carico SSN).

RICETTA BIANCA NON RIPETIBILE di isotretinoina orale (es. Roaccutan, Aisoskin, ecc...)
La ricetta deve contenere:
  • nome e cognome del paziente (e/o il suo codice fiscale)
  • timbro e firma del medico. Il medico deve essere obbligatoriamente specialista dermatologo? No, poiché mentre la PRIMA prescrizione deve per forza essere di un dermatologo, le successive possono anche essere del medico di base che redige una nuova ricetta per prosecuzione cura secondo quanto stabilito dal dermatologo all'interno del Piano di Prevenzione del Rischio Teratogeno. Il farmacista come fa a capire se è una prosecuzione cure o una prima prescrizione da parte del medico di medicina generale? NON può capirlo e non gli deve interessare: è responsabilità del medico redigere una ricetta SOLO se è presente il Piano.
  • data di redazione della ricetta
  • posologia obbligatoria entro i 30 giorni di terapia. In Emilia Romagna, la Regione ha chiarito che l'indicazione dei giorni totali di terapia è sempre necessaria; questo significa che il medico deve sempre scrivere qualcosa tipo "1 capsula al giorno per 30 giorni" o "2 compresse al giorno per 10 giorni". Infatti non è detto che il paziente debba utilizzare tutte le unità posologiche delle confezioni dispensate, ma solo una parte (e il resto deve restituirlo alla farmacia).
  • posologia indicata in mg/die (es. 40 mg una volta al giorno). In Emilia Romagna, la Regione ha chiarito che l'indicazione dei mg/die può essere omessa, sostituendola semplicemente con (es.) "1 cps al giorno" se nella descrizione del medicinale è riportato il dosaggio. Es. Se il medico scrive in ricetta "Isotretinoina DIFA 20MG 30CPR - 1 confezione", può indicare come posologia "1 cpr al giorno", senza bisogno di indicare "1 cpr da 20mg al giorno".
  • la data di certificazione, ovvero la data in cui il medico certifica di aver eseguito un test di gravidanza che è risultato negativo. Mentre in alcune regioni in caso di mancanza di questa data si prende come riferimento la data di redazione, in Emilia Romagna la mancanza della data di certificazione rende non spedibile la ricetta (con alcune eccezioni che vedremo in un altro post).
La validità della ricetta è di 7 giorni dalla data di certificazione; nel calcolo dei 7 giorni si computa anche il giorno stesso. Ovviamente la data di certificazione di redazione possono essere diverse e questo non inficia la validità della ricetta.
Il farmacista all'atto della spedizione deve:
  • apporre il timbro della farmacia e la data
  • annotare il prezzo praticato
  • conservare l'originale della ricetta per 6 mesi
  • avvisare la paziente di non donare il sangue
  • avvisare la paziente di riconsegnare in farmacia le dosi inutilizzate


RICETTA ROSSA SSN di isotretinoina orale (es. Roaccutan, Aisoskin, ecc...)
La ricetta deve contenere:
  • nome e cognome del paziente e codice fiscale
  • timbro e firma del medicoIl medico deve essere obbligatoriamente specialista dermatologo? No, poiché mentre la PRIMA prescrizione deve per forza essere di un dermatologo, le successive possono anche essere del medico di base che redige una nuova ricetta per prosecuzione cura secondo quanto stabilito dal dermatologo all'interno del Piano di Prevenzione del Rischio Teratogeno. Il farmacista come fa a capire se è una prosecuzione cure o una prima prescrizione da parte del medico di medicina generale? NON può capirlo e non gli deve interessare: è responsabilità del medico redigere una ricetta SOLO se è presente il Piano.
  • data di redazione della ricetta
  • posologia obbligatoria entro i 30 giorni di terapia. In Emilia Romagna, la Regione ha chiarito che l'indicazione dei giorni totali di terapia è sempre necessaria; questo significa che il medico deve sempre scrivere qualcosa tipo "1 capsula al giorno per 30 giorni" o "2 compresse al giorno per 10 giorni". Infatti non è detto che il paziente debba utilizzare tutte le unità posologiche delle confezioni dispensate, ma solo una parte (e il resto deve restituirlo alla farmacia).
  • posologia indicata in mg/die (es. 40 mg una volta al giorno). In Emilia Romagna, la Regione ha chiarito che l'indicazione dei mg/die può essere omessa, sostituendola semplicemente con (es.) "1 cps al giorno" se nella descrizione del medicinale è riportato il dosaggio. Es. Se il medico scrive in ricetta "Isotretinoina DIFA 20MG 30CPR - 1 confezione", può indicare come posologia "1 cpr al giorno", senza bisogno di indicare "1 cpr da 20mg al giorno".
  • la data di certificazione, ovvero la data in cui il medico certifica di aver eseguito un test di gravidanza che è risultato negativo. Mentre in alcune regioni in caso di mancanza di questa data si prende come riferimento la data di redazione, in Emilia Romagna la mancanza della data di certificazione rende non spedibile la ricetta (con alcune eccezioni che vedremo in un altro post).

Il farmacista all'atto della spedizione deve:
  • apporre le fustelle delle confezioni dispensate
  • apporre il timbro della farmacia e la data
  • inviare la ricetta all'AUSL
  • avvisare la paziente di non donare il sangue
  • avvisare la paziente di riconsegnare in farmacia le dosi inutilizzate

Update 25 Gennaio 2012:  facendo seguito a quando chiarito dalla Regione EMILIA ROMAGNA, con un nota del 24.01.2012, sono aggiornate alcune parti dell'articolo. In particolare la necessità per il medico di indicare sempre la durata della terapia (es. "per 30 giorni di terapia") e la NON necessità di indicare posologia mg/die se tale informazione è già contenuta nella descrizione del farmaco prescritto.

7 commenti:

  1. Quali sono i criteri che un medico segue per prescrivere l'isotretinoina su ricetta bianca o su ricetta del SSN? In altre parole, quando e perchè viene prescritta su ricetta bianca e quando e perchè viene prescritta su ricetta del SSN?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una domanda che va chiarita bene.
      Premesso che un medico di base NON specialista dermatologo NON può prescrivere autonomamente l'isotretinoina, il medico di base redige l'isotretinoina su ricetta SSN
      1. se è basata su indicazione specialistica
      2. se è in-label, ovvero prescritta per le indicazioni terapeutiche autorizzate (personalmente, non so se esistono usi off label dell'isotretinoina).

      Su ricetta bianca, l'isotretinoina può essere prescritta solo da specialista dermatologo (o medico di base specialista dermatologo) nel momento in cui, per qualche motivo... (...), il dermatologo non vuole utilizzare la ricetta SSN.

      Elimina
    2. Dando un rapido sguardo sul web, sembrerebbe che l'isotretinoina sia prescritta off-label per la cura della rosacea e di alcune forme di psoriasi. A quel punto il dermatologo (e di seguito il medico di base), se non sbaglio, la prescrivono con ricetta bianca.

      Elimina
    3. Ok, allora in quel caso il medico deve prescriverla su ricetta "bianca"

      Elimina
  2. Ma chi ha reddito zero paga o è esente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non paga ticket.
      Eventualmente si paga la differenza con il generico/equivalente.
      Esempio: se vuole la marca (Aisoskin 20mg), paga una differenza di 2,52€, ma se prende l'equivalente Isotretinoina 20mg NOn paga nulla.
      Il reddito serve solo per dire "oltre all'eventuale differenza, si aggiunge 1/2/3 € in base al reddito".

      Elimina
  3. È possibile che un medico di base si rifiuti di fare la ricetta rossa perché suppone che la paziente non ne abbia mai preso? Quando invece da me è venuta con la ricetta bianca?

    RispondiElimina