mercoledì 5 gennaio 2011

Galenico magistrale a base di pilocarpina cloridrato

Un paziente assume(va) Salagen (a base di pilocarpina cloridrato). Questo farmaco non si trova più, quindi si chiede di preparare delle capsule a base di pilocarpina.
Dato che il Salagen richiede(va) ricetta non ripetibile limitativa, che tipo di ricetta galenica magistrale serve?

Se il farmaco è soggetto a ricetta non ripetibile limitativa, anche il galenico soggiace alla stessa normativa del farmaco con AIC, quindi la ricetta di un galenico di pilocarpina deve essere redatta
  1. o da un medico specialista in oncologia, oculistica, gastroenterologia o internista (come da indicazione del Salagen)
  2. o da un qulunque medico (anche non specialista o specialista in altro ambito da quelli sopra elencati) che operi all'interno di un centro ospedaliero
La ricetta è non ripetibile, vale 30 giorni.
In più la pilocarpina è una sostanza presente in Tab. 3, quindi è da considerarsi VELENO e richiede i formalismi del caso: conservazione della sostanza in armadio chiuso a chiave, dose presente in tutte lettere, riportare il pittogramma o scritta "veleno" in etichetta, riportare il nome dell'aquirente che deve avere più di 16 anni.

6 commenti:

  1. Salve dottore...sono un neolaureato in attesa della ripetizione dell'esame di stato....in quello precedente mi era stato contestato il fatto di aver scritto sull'etichetta della preparazione la dicitura "veleno" (era una sospensione contenente sostanza velenosa) dicendomi che non bisognava scriverla! sono un pò confuso....

    RispondiElimina
  2. La norma prevede che il farmacista debba O riportare il pittogramma del Teschio O scrivere VELENO in etichetta.
    Non ho capito se le hanno contestato che ha scritto VELENO e NON doveva scriverla (ma mettere il pittogramma) oppure non scrivere proprio nulla.
    Entrambi i casi, comunque, sono sbagliati.

    RispondiElimina
  3. mi hanno detto che la scritta veleno non dovevo scriverla!

    RispondiElimina
  4. Che posso dire? Detta così sembrerebbe un clamoroso errore; proprio perchè così clamoroso, mi risulta difficile pensare che una commissione "toppi" su una cosa così importante e stranota (la norma che contiene si basa sul Regio Decreto del 1938... Andiamo indietro). Ma ha avuto modo di far vedere la FU XII?
    Le hanno detto il PERCHE' (per loro) non andava scritto?

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. buon giorno Dottore, ho un dubbio che non sono riuscita a chiarire; nella preparazione di un collirio a base di pilocarpina (pilocarpina cloridrato grammi 1, sodio cloruro 0,64 g, acqua depurata sterile qb a 100 ml) devo calcolare la quantità di acqua qb a 100 sottraendo ai grammi dell'acqua i grammi delle altre due sostanze, oppure ai fini della preparazione e della tariffazione dei componenti del collirio devo considerare 100 ml di acqua depurata sterile? inoltre questa preparazione è magistrale? infine, nell'onorario professionale bisogna considerare anche la filtrazione? (praticamente non l'ho eseguita, ma nello schema di preparazione solitamente è indicata la filtrazione per eliminare particelle estranee sospese). grazie mille

    RispondiElimina