lunedì 29 novembre 2010

Gardenale e posologia entro i 30 giorni

Premettendo che l'esempio vale per qualunque farmaco stupefacente in Tabella II sezione C, consideriamo un ricetta bianca, ad uso veterinario o umano di Gardenale compresse 100 mg (o 50 mg), cinque scatole, con la posologia di 2 compresse al giorno. La ricetta è valida dato che sono superati i 30 giorni di terapia?

La risposta: è assolutamente valida, dato che la prescrizione dei medicinali compresi nella tabella II, sezione C (es. Gardenale) non è soggetta a limitazioni di sorta ne per quantità ne per i 30 giorni di terapia.
E questo è valido sia per la ricetta c.d. "bianca" che quella SSN (c.d. "rossa").
Una piccola nota sull'erogazione di questi farmaci in regime di SSN (con la ricetta "rossa"), per i quali è previsto il limite di 2 confezioni (3 se c'è esenzione per patologia), ma solo per un discorso di convenzione con l'SSN (la convenzione prevede che per [quasi tutti] i farmaci in Fascia A si possono dispensare al massimo 2 confezioni o 3 con esenzione per patologia): in ogni caso, la posologia non è obbligatoria e se riportata, può tranquillamente superare i 30 giorni.

Ribadisco: la posologia per le ricette ad uso umano (bianche o rosse) di farmaci stupefacenti in Tabella II sezione C non è obbligatoria, per cui potrebbe anche non essere presente. E al farmacista questo non crea alcun problema, spedisce e basta.
Nel caso, invece, di ricette bianche ad uso veterinario di farmaci stupefacenti in Tabella II sezione C, la posologia è obbligatoria, ma solo perché si utilizza un farmaco ad uso umano per un animale. Il fatto che superi o meno i 30 giorni di terapia è irrilevante.

Se volete avere informazioni sulla corretta redazione e spedizione del Gardenale, c'è il post dedicato.

* Nota: tutto il contenuto del post è valido per qualsiasi farmaco stupefacenti in Tabella II sez. C (Gardenale, Luminale, Fenobarbitale, ...).

Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2012

2 commenti:

  1. ciao,se ho un preparato galenico con alprazolam,con quale ricetta viene dispensato?lo classifico in tabella A?se invece ho una specialità indistriale contenente alprazolam lo classifico in tabella D?

    RispondiElimina
  2. Salve, la domanda è imprecisa: per le BDZ (benzodiazepine) serve sapere la forma farmaceutica.
    Nel farmaco industriale, le l'alprazolam iniettabile è in D, mentre le forme NON iniettabili (compresse, gocce) sono in tabella II, sez. E.
    Per le preparazioni galeniche si è sempre e comunque in Tab. II, sez. B (come indicato nell'incipit).

    RispondiElimina