sabato 27 novembre 2010

Guida alla spedizione e dispensazione del Roipnol, l'incubo senza fine

Roipnol.
Il solo pronunciarlo faceva (fa ancora) rizzare i capelli, passare la notte in bianco, mangiarsi le unghie dalla tensione. A chi? Ovviamente al povero farmacista.
E il motivo era più o meno giustificato.
Dico "era" perchè da quando il Roipnol è stato riclassificato in sez. A con la legge 49/2006, la legislazione e gli adempimenti si sono notevolmente alleggeriti e semplificati.
Cominciamo con il dire che tutti i formalismi extra e le limitazioni (dose massima, numero confezioni, ecc...) sono scomparsi.
Al loro posto, servono tutti i formalismi dei farmaci in Tabella II, sezione A che rendono quindi la dispensazione del Roipnol esattamente uguale a quella della Morfina fiale iniettabile, riportati nello schema qui sotto.

Ricetta Ministeriale a Ricalco (c.d. "in triplice copia) USO UMANO
La singola ricetta ha validità di 30 giorni escluso quello di emissione e deve obbligatoriamente riportare:
  • nome e cognome del paziente
  • dosaggio e quantità di farmaco (non esiste un numero massimo di confezioni, possono essere 3, 5, 8, 10, 15, 20 scatole)
  • la posologia è obbligatoria e deve rispettare i 30 giorni di terapia
  • data di redazione della ricetta
  • indirizzo e numero telefonico professionale del medico
  • timbro e firma del medico
Il farmacista all'atto della spedizione deve:
  • apporre il timbro della farmacia e la data
  • annotare il prezzo praticato
  • deve riportare sulla ricetta il nome e il cognome dell'acquirente (che può non essere necessariamente il paziente) e gli estremi di un documento di riconoscimento dell'acquirente
  • scaricare i quantitativi dal registro di entrata uscita degli stupefacenti
  • conservare l'originale della ricetta per due anni dalla data dell'ultima registrazione sul registro di entrata uscita degli stupefacenti
Dato che il Roipnol è classificato in fascia C, può essere dispensato solo a pagamento. Per questo motivo il medico deve dare al paziente solo la "copia originale" della ricetta RMR, mentre la "copia SSN" rimane attaccata alla sua matrice; se il paziente si presenta farmacia sia con la copia originale e con la copia SSN non ci sono però problemi: il farmacista conserva la copia SSN insieme all'originale.

Ultima cosa banale, ma la scrivo per essere chiaro: il Roipnol, in quanto stupefacente classificato in Tabella II sezione A NON è più prescrivibile con ricetta bianca non ripetibile.

25 commenti:

  1. Buongiorno avrei bisogno di un chiarimento. Ma se la posologia e ' di trenta giorni come e' possibile prescriverne un numero non limitato di confezioni? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione.
      La posologia NON deve SUPERARE i 30 giorni.
      Il numero di confezione è legato alla posologia.
      Dato che il Roipnol contiene 10 compresse, si avrà per ESEMPIO che:
      - con la posologia "1 al giorno", possono essere prescritte fino a 3 scatole
      - con la posologia "1 ogni 2 giorni", possono essere prescritte fino a 2 scatole

      Elimina
    2. Per la verità ho usato Roipnol 2mg. 1 a notte per quasi 25 anni, mai avuto nessun disturbo se non quello di addormentarmi in breve tempo e risvegliarmi perfettamente lucida e riposata. Anni or sono con la nuova legge il neurologo ha dovuto fare innumerevoli tentativi per trovare un ipnotico che non avesse effetti collaterali tipo nausee e altri scompensi che ora non sto qui ad elencare. Da quasi 5 anni assumo Minias 2mg. purtroppo mi addormento con difficoltà e dormo al massimo 3-4 ore. Sono affetta da fibromalgia molto, molto severa, ove il sonno è basilare. Premetto che tutto è iniziato una quarantina di anni fa dopo stato comatoso dovuto ad incidente stradale.
      Il problema che causa la mia insonnia è la paura di lasciarmi andare, (regredire allo stato comatoso per me = morte) infatti anche se sono esausta e sento il bisogno di dormire nel momento in cui mi abbandono arriva come uno scossone e il mio cervello mi dice non devi dormire. E' orribile non lo auguro a nessuno. Questa la mia esperienza. Diciamo che da giovane tenevo botta, ora sento il mio povero cuoricino che va a 1000.
      Tutto questo per dire che è sempre meglio un sonnifero efficace che ti permetta di vivere una giornata normale che essere uno zombie. Grazie per avermi ospitata

      Elimina
    3. Hai provato con un farmaco che io sto cercando di eliminare per la eccessiva sonnolenza che mi da anche a bassissime dosi che è il Seroquel

      Elimina
    4. Come posso oteotten le roipnol??

      Elimina
  2. Perfetto grazie !!!

    RispondiElimina
  3. buonasera, ma quindi sulla ricetta non appongo le fustelle del roipnol in quanto di fascia c...timbro la ricetta e appongo prezzo e numero di scatole e basta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, deve riportare anche i dati dell'acquirente e gli estremi di un documento di riconoscimento.

      Elimina
    2. perfetto grazie! ero solo dubbioso sul fatto delle fustelle!

      Elimina
  4. per quali sintomi viene prescritto principalmente Roipnol?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cito testualmente: "Trattamento a breve termine dell'insonnia."

      Elimina
  5. , a me hanno detto che il romano non esiste più da 10 anni ma non ci credo a questi farmacisti aiutatemi grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito. Le hanno detto che non esiste il Roipnol? Esiste da sempre, perfettamente in commercio (poco prescritto forse...).

      Elimina
    2. proprio così mi hanno detto io uso il Minias ma ormai mi fa acqua essendo stata tossicodipendente per 16 anni e volevo tornare alle roipnolvisto che adesso anche se bevo una boccetta di Minias non mi fa niente il farmacista mi ha detto che non esistevano più mi voleva dare soloqualcosa con lo stesso principio attivo ma io non conosco quello che voleva darmi La ringrazio tantissimo sara

      Elimina
    3. Beh, certamente tra Roipnol e Minias, pur essendo entrambi Benzodiazepine, c'è un abisso per quanto riguarda uso e prescrizione.
      Il Roipnol è considerato uno stupefacente molto potente e richiede una ricetta "speciale" che non tutti i medici hanno.

      Elimina
  6. Soffro di insonnia cronica da ormai qualche anno, tanto che ormai sono abituata a dormire una notte ogni due giorni, è la mia normalità: nessuna benzodiazepina aiuta e lo stillnox mi sballa e basta, inizio a sentire le voci e vedere gli oggetti che si muovono. Una mia amica mi ha dato delle pasticche di roipnol e per la prima volta in anni, per qualche giorno, ho dormito come una persona normale, tutte le sere, bam. Purtroppo le ho finite e lei non ne ha più. Ora devo trovare il modo di convincere la mia parecchio conservatrice analista a farmi una ricetta, la vedo dura.

    RispondiElimina
  7. Se nella posologia é scritto testualmente:."una compressa la sera al bisogno" con quantità richiesta di. 1 scatola, la ricetta è. Valida?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le posologie al bisogno per i farmacis in Sez. A (tipo Roipnol) sono irrazionali e non accettabili in quanto non permetto di definire se la durata è superiore o inferiore ai 30 giorni.
      Teoricamente la Legge 38/2010 permette di dispensare la confezione che supera i 30 giorni quando il superamento è dovuto al numero di unità posologiche della confezione. Ma qui, ripeto, almeno FORMALMENTE non c'è alcun riferimento ai 30 giorni.

      Elimina
  8. fanno proprio schifo ma si puo' mettere una benzodiazepina a livello della morfina iniettabile solo in italia poveri noi succede io prendevo Darkene 2mg x 30 cmp adesso hanno tirato via tutto se volevano potevano ridurre come e' stato fatto 10 cmp x 1mg e restare con la ricetta RNR il Roipnol e' un ottimo sonnifero se si usa bene non e' uno stupefacente!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. E' vero che il Rolpinol è un inibitore della fame? Alcuni dietologi lo prescrivevano, associandolo a dieta. In quali dosi va preso in tal senso e per quanto tempo?

    RispondiElimina
  10. Mi era stato detto anche a me che le roi (diminutivo usato nell'ambiente dei tossicodipendenti per indicare il roipnol) erano state tolte dal commercio. Evidentemente sono stato informato male, ricordo solo che da adolescente le avevano cambiato l'aspetto passando da pastiglie bianche e rotonde con una croce che, immagino, fungesse per facilitarne la divisione di una dose (2,5 mg) a pastiglie verdi a forma più allungata e riducendo il principio attivo a 1 mg... Ora, quello che non capisco è come mai abbiano ridotto in maniera drastica le prescrizioni quando minias, tavor e xanax dilagano eppure non fanno parte tutte della famiglia delle benzodiazepine?

    RispondiElimina
  11. La realtà del roipnol e,che molta gente specie chi a avuto problemi di tossicodipendenza lo usa come farmaco da sballo mescolato con alcol fa effetti devastanti ecco perché non è facile trovarlo facilmente come negli anni 90.

    RispondiElimina
  12. La realtà del roipnol e,che molta gente specie chi a avuto problemi di tossicodipendenza lo usa come farmaco da sballo mescolato con alcol fa effetti devastanti ecco perché non è facile trovarlo facilmente come negli anni 90.

    RispondiElimina
  13. Aniello Caputo non sa niente del Roipnol.

    RispondiElimina
  14. Marco,

    spero che mi legga e mi possa rispondere anche se questo post e vecchio di quasi 8 anni.

    Domando, questa legge è tuttora in vigore, sono state fatte modifiche?
    È cambiato qualcosa di questa idiozia italiana, fatta da dementi o incompetenti?

    Chiedo questo perchè tra i due medici che conosco, uno (che non è il mio medico di base) mi prescrive 6 scatole per ciascuna ricetta, mentre l'altro invece solo 2 perché afferma che non si può mettere più di due scatole (o così gli sarebbe stato detto).


    RispondiElimina